H-FARM News
2014-08-08

Kinnernet Italy 7-10 agosto

In questo primo weekend di agosto H-FARM è teatro della prima edizione di Kinnernet Italy, un evento unico ed esclusivo solo su invito realizzato per la prima volta in Italia, della durata di tre giorni. Ideato nel 2003 da Yossi Vardi, tra i precursori dell’innovazione e della tecnologia in Israele, Kinnernet è oggi uno dei principali eventi in grado di attrarre personalità di rilievo da tutto il mondo.

H-FARM ha aperto le sue porte ad oltre 120 persone di diverse nazionalità e profili (imprenditori in ambito digitale, artisti, scienziati, opinion leader, esperti di tecnologia, media, ecc…) tra le quali spiccano nomi di rilievo come Mel Rosenberg (microbiologo famoso per le sue ricerche sulla diagnosi e trattamento dell’alitosi), Peter Hirshberg (imprenditore, dirigente e marketing specialist statunitense), Orly Shani (designer di moda), Steffi Czerny (co-fondatrice di DLD (Digital-Life-Design) Conference), a cui si aggiungono John Philips (Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia) e Naor Gilon (Ambasciatore di Israele in Italia).

La modalità dell’evento è quella dell’(un)conference, in cui ciascun partecipante è chiamato a contribuire generando contenuti e collaborando nelle diverse sessioni previste, incoraggiando il dibattito, la discussione, l’interazione e la creatività tra i partecipanti. Un modo diverso, rispetto alle tradizionali conferenze, per incontrarsi e discutere di molti temi come Big Data, crowdfunding, economia, 3D, film-making, etc. Gli ospiti coinvolti in una serie di lezioni interattive e workshop da loro stessi generati, partecipano anche a una serie di attività fuori sede alla scoperta di Venezia, del nostro territorio e delle nostre tradizioni.

Un evento dinamico, divertente, emozionante che contribuirà a stringere nuovi rapporti tra i principali protagonisti dell’innovazione a livello internazionale e porrà le basi per una nuova riflessione sul futuro di internet, della comunicazione e dei media. Kinnernet Italy offre un punto di vista diverso al modo di guardare il mondo in cui viviamo, dando la possibilità ai partecipanti di prendere coscienza dell’impatto che il cambiamento sta avendo sulla nostra esistenza.